E' tempo di vacanze! Nell'ultimo mese la conversazione più frequente tra gli italiani a Bruxelles si incentra spesso , anche troppo, sull'estate belga che "non é certo una vera estate come la si vive nel Bel Paese", tralasciando il fatto che per chi lavora nello Stivale certo la temperatura torrida non aiuta a lavorare, come la pioggia qua non aiuta a godersi i weekend.

Tutti, o quasi, sono in partenza, o già partiti, per andare a godersi il mare, gli amici, la famiglia, e tutto il relax che rendono le vacanze il momento più desiderato dell'anno.

Ma come molti 'pendolari' tra Bruxelles e l'Italia sanno bene, il viaggio puo' essere spesso causa di stress per motivi legati ad una logistica dei trasporti spesso carente in una città altamente internazionale ed in pieno movimento come la Capitale Europea.

Che stiate partendo in vacanza, o progettando il vostro soggiorno di lavoro o studi in Belgio, ecco una serie di consigli da tenere a mente per evitare lo stress del viaggio aereo da e per Bruxelles.

Aeroporti: A Nord –Est della città si trova il grande scalo Brussels Airport
E’ il principale aeroporto del Paese, servito dalle maggiori compagnie aeree europee ed internazionali . L’unica compagnia low-cost che fa scalo a Zaventem é Easyjet, ma giocando d’anticipo e controllando le offerte, spesso si trovano ottimi voli anche con Brussels Airlines o altre compagnie di bandiera. Sicuramente il grande vantaggio di Zaventem é la vicinanza alla città e la comodità ed economicità dei trasporti da e per l’aeroporto.

Da e per Bruxelles esiste il bus 12( dopo le 20h e nei weekend linea 21), che si ferma in punti strategici tra il centro e il quartiere europeo, arrivando ai terminal dell’aeroporto in circa 30 minuti ( da tener conto circa 20 minuti in più durante l’ora di punta). La frequenza dei bus é uno ogni 20/30 minuti, se siete muniti di smartphone potete anche controllorare il prossimo passaggio sul sito della STIB.BE. Il biglietto é acquistabile sul bus e costa circa 3 euro a viaggio (5 acquistandolo dal conducente). Piccolo suggerimento per risparmiare tempo e soldi: acquistate il vostro biglietto dalle macchinette situate davanti alla fermata (accettano anche bancomat e carte di credito), é più economico e potrete salire immediatamente sul bus con i vostri bagagli.

Se invece vi trovate più vicini alla Gare du Midi o alla Gare Central, ogni 20 minuti un treno diretto vi porta all’interno del terminal 1 dell’aeroporto (o dal terminal alle stazioni) in altrettanti 20 minuti. Prezzo del biglietto, acquistabile in stazione o sul vagone stesso, 11 euro.

Più problematico e causa spesso di stress per i pendolari, é il tragitto da e per l’aeroporto di Charleroi sud, scalo delle comagnie low cost quali Ryanair.

L’ Aeroporto dista circa 40 minuti dalla città, ma per arrivarci i collegamenti sono spesso costosi e poco pratici. Il più comune é il bus della compagnia privata Elan, che parte e arriva alla Gare du Midi. In teoria i bus partono ogni mezz’ora , dalle 4 del mattino alle 23.45 . In pratica spesso, a causa del traffico e del numero elevato di passeggeri rispetto ai bus disponibili, potreste aspettare anche un’ora prima di salire sul bus (anche per chi ha già acquistato un biglietto online). Oltre al servizio bus spesso scadente e caro – 22 euro a/r, é possibile prendere taxi che, se condivisi con altri passegeri costano a tratta circa la stessa cifra di 13 euro (ovviamente non nel caso in cui abbiate perso l’ultimo bus causa ritardo aereo, poiché la tariffa taxi sale esponenzialmente).

Se oltre al viaggio aereo volete passare un paio d’ore tra bus di linea e treno potete prendere come via alternativa e più economica il treno fino alla stazione di Charleroi e poi il bus TEC fino all’aeroporto...

Alternativa migliore é sicuramente il covoiturage, cioé la condvisione del passaggio in macchina con altri avventurosi viaggiatori low-cost.

Da qualche mese, un gruppo di ‘pendolari’ tra Bruxelles e l’Italia hanno creato un gruppo, Cavoliamoci.eu, per scambiarsi opinioni e astuzie tra viaggiotori diretti all’aeroporto di Charleroi. Grazie al sito potrete programmare il vostro tragitto liberi da insidie nel migliore dei modi.

Arrivati in aeroporto, incontrerete gli stessi problemi di chiunque, ovunque in Europa viaggia low-cost, tra bagagli a mano mai abbastanza leggeri per passare i controlli peso e oggetti non liquidi o comunque ammessi da regolamento europeo (come le pappe per i neonati) che stranamente diventano proibiti.

Da vacanzieri esperti ricordate sempre che grazie alle regole del diritto europeo dei consumatori, avete spesso diritto a d un trattamento pari a quello delle compagnie di bandiera!

Come schematizzato sul sito dell'ENAC, i passeggeri, a prescindere dalla compagnia aerea, godono di tutta una serie di diritti riguardanti il ritardo ( ad esempio dopo tre ore di ritardo é obbligatorio un risarcimento di 250 euro), la cancellazione (es: alloggio offerto in alcuni casi) e lo smarrimento dei bagagli.

Sopravvissuti al tragitto stazione-aeroporto e ai controlli, pronti senza ritardi (ci si augura) a raggiungere la propria meta vacanziera, potreste volervi rilassare prima dell’imbarco sorseggiando una bottiglietta d’acqua... L’ultima insidia degli scali brussellesi é proprio il prezzo delle mini bottigliette d’acqua: circa 3.50 euro (2.90 se comprate alle macchinette)...Del resto siamo in Belgio dove la birra bevanda nazionale, costa sempre meno dell’acqua!

Prima di partire é consigliato visitare i seguenti siti:

http://www.enac.gov.it/repository/ContentManagement/information/P1237797613/ok-V4-Leaflet-001-PASSEGGERI.pdf

http://www.brusselsairport.be/fr/passngr/to_from_brussels_airport/train/

http://www.cavoliamoci.eu/collegamenti-alternativi

http://www.charleroi-airport.com/

Buon viaggio !

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS